Medicina Ayurvedica




Medicina Ayurvedica

medicina ayurvedica

La leggenda indiana racconta che la medicina ayurvedica ebbe origine dal dio Brahma, creatore di tutte le cose, e che tale arte medica fu donata agli uomini perchè fosse trasmessa ai posteri.
La medicina ayurvedica, in indiano Scienza della vita, o meglio Conoscenza della Vita, è un tipo di medicina, nata circa 3000 anni fa, che si basa su una concezione olistica dell’uomo, secondo cui tutti i fenomeni complessi (quindi anche l'organismo umano) devono essere studiati con un approccio globale, quindi partendo dall'insieme, e non in modo analitico, cioè partendo dallo studio delle singole componenti o delle singole azioni.

Più semplicemente, secondo la medicina ayurvedica indiana, l'uomo è un sistema complesso in cui corpo e mente risultano inscindibili e quindi non divisibili e studiabili nelle loro singole componenti, come invece vorrebbe fare chi applica il metodo scientifico.
L'uomo sarebbe formato dalla combinazione di Vata (aria e terra), Kapha (terra e acqua) e Pitta (fuoco ed acqua) che insieme governano le funzioni vitali dell'uomo agendo sui suoi cinque aspetti fondamentali: il corpo fisico, pranico, mentale, intellettuale e spirituale.

Studiando l'interagire di queste cinque componenti si incontrano spesso degli scompensi, non rintracciabili mediante altre metodologie.
Nei principi della medicina ayurvedica rientrano il rispetto di tutti gli animali, perció la maggioranza delle sostanze mediche non sono di origine animale, o almeno, non si basano su sostanze ottenute tramite il sacrificio di un animale.

In questo quadro, il massaggio ayurvedico rappresenta una tecnica ideale per la cura ma soprattutto per la prevenzione dai malanni; nella pratica si consiglia di associare questo tipo di massaggio ad altri generi di comportamenti, come buone abitudini di vita, alimentazione sana, riflessologia plantare, esercizi di respirazione profonda e, all'occorrenza, somministrazione di principi medicinali fitoterapici.


Non sarebbe una cattiva idea confrontare il massaggio ayurvedico con altri tipi di trattamenti di massoterapia, come il massaggio shiatsu, la stone therapy o il linfodrenaggio, in quanto il miglior modo di scegliere è provare i trattamenti sulla propria pelle e decidere in base ai risultati quello che piú si adatta alla nostra mentalitá ed al nostro fisico.
Dal punto di vista procedurale, il massaggio ayurvedico prende le sue movenze da antichi testi, come la Sushruta e la Charaka Samhita, che costituiscono le basi della medicina ayurvedica.

Scopo principale del massaggio ayurdedico è ripristinare l'equilibrio dell’organismo e mantenere la salute fisica e mentale, attraverso la lotta contro lo stress.
La seduta ayurvedica in sè e per sè ha una durata che va dai 60 agli 80 minuti.
Il trattamento benessere va eseguito in un ambiente caldo e confortevole, in cui bruciano incensi ed essenze profumate, possibilmente con luce soffusa e musica rilassante.

Il massaggio ayurvedico si serve anche della riflessologia plantare, secondo cui ogni punto della pianta del piede è collegato, mediante terminazione nervosa, ad ogni organo del corpo umano.
Massaggiando adeguatamente il punto esatto della pianta del piede collegato a ciò che fa male o provoca disturbi, si ottiene, come di riflesso (da qui riflessologia plantare), un massaggio benessere nella zona corrispondente del corpo.

I sostenitori del massaggio ayurvedico vantano una serie di benefici specifici come la riattivazione della circolazione sanguigna e linfatica, un'azione benefica sulla colonna dorsale (per chi ha problemi di mal di schiena), maggiore tonicità dei muscoli, rilassamento psicologico (per tutti coloro che soffrono di tensione ed ansia), diminuzione di problemi quali insonnia, mal di testa, astenia e disturbi della digestione.

E' importante sapere che il massaggio ayurvedico è assolutamente controindicato quando un dolore o un’infiammazione è in fase acuta, mentre sembra risulti efficace per slogature, contratture, distorsioni, tendiniti, stiramenti muscolari e crampi.
E' inoltre controindicato in caso di problemi circolatori gravi.
In tutti i casi si consiglia di richiedere un parere medico prima di sottoporsi a sedute ayurvediche, alle terme o dovunque lo si voglia effettuare.
Si raccomanda anche di informare sempre il massaggiatore professionista delle proprie condizioni fisiche prima di iniziare il massaggio.

Per diventare un massaggiatore Ayurveda esperto si deve frequentare un corso triennale di almeno 1200 ore con esame finale e pratica.
Quello ayurvedico è infatti un massaggio che deve essere fatto in maniera metodica ma intelligente dato che, oltre ad una serie di movimenti e massaggi codificati, deve adattarsi al corpo ed alle specifiche esigenze della persona che richiede l'aiuto di questo tipo di medicina complementare.

DISCLAIMER

Medicina Ayurvedica

©2015 NATUROPATIA – Tutti i diritti riservati Privacy Policy